Maccaia, Bacci Pagano a fumetti. L’amato detective di Bruno Morchio, uno dei personaggi fondamentali del romanzo nero italiano contemporaneo, e la matita graffiante e stilosa di Marco D’Aponte s’incontrano per dare vita a un raffinato capolavoro noir.

Mentre Genova è assediata dalla maccaia – quell’aria immobile e sospesa, quel tepore umido e salmastro che annuncia l’arrivo della primavera – nel parco del Peralto viene ritrovato il cadavere di un vecchio pensionato, Mino Terenzi.
Straziato da un lupo. Subito la stampa grida al licantropo. Due anni prima Terenzi, di professione strozzino, aveva stipulato una milionaria assicurazione sulla vita e la giovane moglie sudamericana ne sembra l’unica beneficiaria.
L’investigatore privato Bacci Pagano viene assunto dalla compagnia assicuratrice per trovare le prove che inchiodino la bellissima vedova e il suo amante come esecutori e mandanti dell’omicidio: un copione già scritto…
Bacci indaga, ma in breve capisce che le cose non sono andate così; la sua sarà un’inchiesta insolita, tra apparenti evidenze obiettive e menzogne, personaggi che spuntano dal nulla e altri che non sono quello che sembrano, e dovrà anche districarsi tra le donne della sua vita, un’ex moglie ancora rabbiosa e ostile, una fidanzata che appare e scompare e una figlia che non vede da dieci anni…

Ascolta l’intervista su ilpostodelleparole.it